LINK BUILDING

Guida al Link Building

Ecco una guida al link building efficace e chiara, poiché nessun sito web è un’isola e non importa quanto ciò che scrivi e pubblichi sia interessante se la gente non riesce a trovarlo. I motori di ricerca svolgono un ruolo primario, ma anche i link da altri siti affidabili aiutano i motori di ricerca a far venire a galla i tuoi contenuti.

Perché?

Cominciamo con il definire cosa significa la voce SERP. È un acronimo che in lingua inglese sta per Search Engine Results Page, ovvero è la pagina visualizzata da un motore di ricerca in risposta a una query eseguita da un utente. Pertanto Google, e altri motori, utilizzano questi link per determinare il livello di affidabilità e gradimento dei tuoi articoli.

Il cosiddetto processo di link-building, creazione di link se preferisci, non è tanto semplice.

Esso non dipende dal tipo di piattaforma che utilizzi per pubblicare il tuo sito, ad esempio WordPress, Joomla, Tumblr, o altri CMS e strumenti web.

Cosa è necessario fare?

Devi convincere altre persone a pubblicare dei link verso il tuo sito, il che non è così facile.

Più un sito acquista autorevolezza, più è alta la possibilità che stia sviluppando molti affari e quindi incassando abbastanza bene.

Ora, pensa un po’. Se la tua azienda è florida e viene considerata affidabile e il pubblico le tributa la sua fiducia, saresti così propenso a fare accordi di partenariato con altre imprese che non conosci?

Ne dubito.

Cosa significa quindi creare link e come farlo?

La costruzione di link è il processo con cui altri siti aggiungono link al tuo sito web all’interno dei loro contenuti.

Ti sarà capitato di leggere dei blog dove vedi dei link ad altri siti negli articoli. Lo facciamo anche noi. Questi sono chiamati “backlink” sarebbero dei link di ritorno, e aiutano i siti Web collegati a guadagnare posizioni nella classifica dei motori di ricerca.

Uno dei modi in cui i motori di ricerca determinano quali siti web sono i “migliori” consiste nel valutare i loro backlink. Se c’è un articolo con molti backlink, è probabile che la gente pensi che sia un eccellente riferimento. I nuovi contenuti, essendo appunto appena pubblicati, non hanno alcun backlink. Tuttavia, se il sito in cui sono pubblicati è ritenuto importante, ben presto altri siti ne faranno riferimento.

Ovviamente, il tuo ranking su Google non è determinato solo dai backlink, però, sicuramente, essi svolgono un ruolo importante.

È comunque necessario che questi backlink siano di alta qualità. Se chi collega i tuoi contenuti al suo sito non è riconosciuto autorevole, questi non hanno molta capacità di aiutarti a scalare la classifica, e se addirittura sono siti alquanto dubbi, ti possono danneggiare.

Evita questo tipo di approccio.

Avrai sentito parlare del termine “black hat”, letteralmente significa cappello nero. Con questo termine si indicano una serie di tecniche che sono penalizzate dai motori di ricerca. Perciò, non metterle mai in pratica. Se il tuo sito viene penalizzato è molto difficile poi che risalga la classifica. Inoltre, Google e i suoi fratelli minori, non ti avvisano se il tuo sito ha subito penalizzazioni.

Puoi usare questo strumento per controllare se il tuo sito ha subito penalizzazioni

https://www.cuteseotools.net/google-penalty-checker

Questo sito, inoltre, offre una serie di utility molto interessanti per varie altre cose.

Cosa non fare quando si imposta una strategia di Link Building

Quando si tratta di Search Engine Optimization (SEO), non ci sono scorciatoie per ottenere buoni risultati. Lo stesso vale per il link building, il quale ha una ricaduta importante sul SEO.

Se si ricerca come ottenere collegamenti proprio sito web (backlink), troverai una miriade di articoli che raccomandano metodi ormai obsoleti o perfino vietati (Black Hat SEO). NON utilizzarli mai!

Quindi, non seguire mai queste pratiche:

  • Aggiunta di link al tuo sito web tramite commenti su altri siti. Nella maggior parte dei casi, se si crea un link al proprio sito tramite un commento su un altro blog, questo può essere visto come spam. L’unica circostanza in cui ciò è accettabile è se si collega al contenuto quando è del tutto pertinente alla discussione e se il proprietario di quel sito ammette tale tecnica.
  • Collegamenti al tuo sito tramite forum. Lo stesso principio sopra espresso. È un modo rapido per ottenere backlink però questi saranno considerati di bassa qualità.
  • Invio del tuo sito web a siti che pubblicano indirizzari, elenchi di siti, comunemente chiamate directory. Tempo fa, molti utenti ricercavano siti interessanti in queste directory. Ormai però questo tipo di siti è scaduto alquanto, perciò i backlink su questi siti non fanno testo o sono considerati di bassa qualità. Non ti preoccupare se vedi il tuo sito in molte di queste directory, non è uno di quei casi in cui Google di penalizza automaticamente, più semplicemente trascura questi backlink. Se poi hai messo in pratica una buona strategia di link-building e quindi il tuo sito ottiene link di ritorno da siti importanti, il tuo ranking è destinato a salire sempre di più malgrado il tuo sito appaia in quelle ormai superate directory.
  • Pagare per aggiungere i tuoi link su altri siti web. In alcuni casi, questo approccio può funzionare se i siti in questione sono siti veri e con una certa autorevolezza. Siti che hanno quindi molto traffico di buona qualità, c.d. traffico organico. Diversamente, è una pessima idea dato che questi tipi di siti sono soliti inviare spam nel tentativo di vendere i loro servizi, quasi sempre inefficaci se non perfino truffaldini.

Se poi qualcuno afferma di conoscere un metodo veloce e sicuro per farti guadagnare backlink, diffida, è una gran balla. Questo è uno di quei casi in cui devi avere pazienza e attendere. I tempi sono lunghi e molto dipende dal tipo di contenuti che pubblichi e dal modo in cui li pubblichi.

2 Suggerimenti per ottenere i migliori backlink al tuo sito web

Anzitutto, non credere che questi due suggerimenti ti diano risultati immediati. Tieni anche conto che commetterai pure degli errori fino ad affinare la tecnica.

Tuttavia, qui ti illustriamo il modo con cui farlo bene e più velocemente rispetto ad altri metodi.

  1. Creare contenuti di alta qualità che attirino l’attenzione

Sembra ovvio, ma il modo migliore in assoluto per guadagnare backlink è concentrarsi prima sul contenuto, in seconda battura puoi concentrarti sul marketing. Per fare un esempio, immagina di voler scrivere un tutorial su come fare per ottenere eccellenti risultati con le tecniche di SEO. Se scrivi un articolo corto, che non dà spiegazioni su come fare certe cose, non avrai buoni risultati.

Ricordati però che per avere successo devi pubblicare qualcosa che sia di nicchia. Non puoi competere con i grandi, poiché quei siti sono gestiti da imprese molto ben strutturate e investono milioni nella pubblicità e nel SEO. Devi cercare parole di ricerca che sono meno concorrenziali per poter guadagnare un tuo pubblico.

Diversamente, puoi competere con grandi imprese, se sei un esperto già affermato con un folto seguito, il che però fa di te se non una grande impresa, sicuramente uno dei big del web. Certo, essere un big in Italia non ha paragoni con l’esserlo in USA o in UK. Se sei un marketer londinese di successo, ti leggono in tutti i paesi anglofoni e in generale in tanti altri paesi da persone che capiscono l’inglese. Tuttavia, anche nella “piccola” Italia puoi ricavarti la tua nicchia. Inoltre, questo blog è diretto soprattutto alle aziende italiane, perciò, la tua azienda può sicuramente avere qualcosa di importante da dire e quindi ricavarsi uno spicchio importante sul web con ottimi risultati.

Pertanto, invece che scrivere un pezzo su come avere successo con il SEO in generale, vai un po’ più nello specifico, e scrivi un articolo tutorial su come avere successo con il SEO su Bing (il motore di ricerca di Microsoft, bing.com). Questo è un approccio chiamato long tail keywords, parole chiave dalla coda lunga, ovvero parole chiave che sono più specifiche e quindi meno competitive e quindi di nicchia.

Un buon articolo su questo argomento può garantirti ottimi risultati e backlink.

Attenzione! Scrivi solo di quello che sei sicuro conoscere bene. No, non devi essere un premio Nobel; tuttavia, non pubblicare mai informazioni che non padroneggi.

Non tutto ciò che scrivi raccoglierà il favore di altri siti e di migliaia di persone, però tu comincia e vedrai che i risultati arriveranno. Quanto tempo ci vuole? Nessuno può dirlo. Un anno, due, tre, forse meno. Chi ti dice che in meno di un anno sarai una Rock Star del web, sta spudoratamente mentendo. Può accadere, ma non certamente perché esiste una legge di natura che lo determina. Ricordati di diffidare di chiunque spara fesserie del tipo “Il Marketing, o il Digital Marketing, è una scienza”, perché non lo è affatto!

Ti dico queste cose perché nella mia esperienza di appena 20 anni sul web e di oltre 37 in IT, la maggior parte della quale maturata con imprese americane e inglesi, ho visto accadere tante cose e ho sentito tante sciocchezze.

Una volta che sai quali argomenti trattare e come, devi fare in modo che i contenuti abbiano una certa “profondità”. Non è necessario che tu dilunghi a descrivere cose senza importanza, non devi nemmeno usare parole inutili tanto per allungare il tuo articolo. Hai sentito dire che un pezzo deve contenere almeno 300 parole perché i motori di ricerca lo considerino interessante, però fai attenzione. Questo è vero fino ad un certo punto. Certo, non puoi scrivere 200 parole per spiegare come avere successo con il SEO su Bing, e nemmeno 500 molto probabilmente, te ne serviranno sicuramente di più. Nonostante ciò, non annoiare mai il lettore e non fuorviarlo. Rimani sul pezzo.

Una tecnica molto efficace è quella cosiddetta “Skyscraper”.

In cosa consiste la tecnica del “Grattacielo”, (Skyscraper)?

Semplice, se c’è un argomento che vuoi affrontare, ma qualcun altro è più forte di te, concentrati sulla produzione di un articolo che sia più approfondito del suo. Questo ti aiuta a dare valore al tuo post, massimizzando le possibilità di ottenere backlink. Chiaramente, non è facile e devi conoscere molto bene ciò di cui parli.

Se riesci a creare post che aggiungono davvero molto valore e magari sono anche divertenti, i backlink seguiranno organicamente.

Se poi sei convinto che ciò che hai scritto è davvero importante e può aiutare altri a risolvere un problema, allora puoi anche entrare in contatto con altri siti e blogger e proporgli il tuo pezzo.

Non scrivere chiedendo il link al tuo blog solo perché sei sicuro che sia importante. Scrivi invece qualcosa del genere

Salve [NOME DEL SITO E SE POSSIBILE DELLA PERSONA]

Il tuo ultimo post su [ARGOMENTO TRATTATO] è veramente interessante, tuttavia credo che qualche ulteriore indicazione possa essere utile ai tuoi lettori. Al riguardo io ho scritto questo articolo [LINK AL TUO POST] che approfondisce proprio quegli aspetti.

Se dunque decidessi di estendere il tuo articolo o di dare ai tuoi lettori qualcosa che affronti anche questi rilevanti temi, puoi collegare i tuoi contenuti al mio pezzo di cui sopra.

Se dunque hai qualcosa di interessante, puoi contattare anche noi. Perché no? Questo blog è giovanissimo, ha circa due mesi ma via via conterrà contenuti sempre più interessanti e sicuramente di una certa rilevanza per gli utenti.

Come vedi, non siamo nuovi nel web e portiamo ora anche in Italia una serie di esperienze ad alto valore aggiunto.

Ora via con il secondo suggerimento.

  1. Trova opportunità di pubblicazione tramite Guest Posting.

Oltre a creare ottimi contenuti per il tuo blog, il secondo modo migliore per ottenere backlink è trovare opportunità di pubblicazione con la tecnica guest posting.

Di cosa si tratta?

Guest posting significa pubblicare come ospite e consiste nel pubblicare su altri blog. Al tempo stesso, questa tecnica puoi usarla anche tu per ospitare articoli di altri una volta che il tuo sito sarà diventato importante.

In questo caso, per creare gli opportuni backlink che ti serviranno per migliorare la tua posizione nei motori di ricerca, devi cercare di pubblicare i tuoi articoli su blog che abbiano una certa rilevanza. A quel punto, il link al tuo sito è assicurato, sarai tu stesso infatti a inserirlo all’interno del post. Altre volte, puoi addirittura guadagnare un link sul piede di pagina o sulla barra laterale di un altro sito in modo permanente. Quest’ultima tecnica, tuttavia, fa parte di accordi specifici che puoi prendere con il proprietario di un sito autorevole.

Cerca dunque altri siti e blog nel tuo settore che accettano di ospitare pubblicazioni di altri autori.

Vai su Google, o su un altro motore di ricerca ma, come sai, Google è il motore di ricerca per eccellenza, e indaga sulle parole chiave tipiche del settore in cui operi.

Se un blog dichiara apertamente di accettare articoli da autori esterni, proponiti.

Ciò che devi considerare attentamente è se il blog per il quale scriverai è affidabile e ben considerato all’interno della tua nicchia.

Evita di pagare per pubblicare i tuoi post. Non farlo! Quasi sempre quel tipo di siti non sono affidabili!

Leggi bene le linee guida del sito che ospiterà il tuo articolo, affinché possa produrre i contenuti in base alle loro richieste. Se non leggi le linee guida, ci sono altre possibilità che il tuo lavoro venga scartato.

Quando ti presenti, menziona sempre il tuo sito e quindi la sua URL (nometuosito.com), in certi casi ti potrebbero venire richiesti anche i tuoi articoli di maggiore successo, o potresti anche proporli tu in modo da evidenziare che hai una certa capacità e conoscenza nel settore.

In ogni caso, quando scrivi, sul tuo blog o come ospite, fai sempre ricorso a parole chiave con alto potenziale nella tua nicchia però, non competere mai con le grandi piattaforme perché hai già perso in partenza.

Tirando le somme.

Più il tuo sito diventa popolare, più diventa facile ottenere backlink di alta qualità. Tuttavia, è necessario iniziare a lavorare sul link-building per tempo. I link da siti affidabili indicano ai motori di ricerca che i tuoi contenuti sono validi ed è per questo che scalano la classifica.

Scegli sempre un approccio a lungo termine, costerà molto più tempo ma è anche molto più affidabile. Perciò, lascia perdere pubblicare sui forum e su commenti ad altri blog inserendo i tuoi link.

Concentrati nel creare contenuti di alta qualità e cerca siti che pubblichino i tuoi post.

Sappi attendere e i risultati arriveranno.

Ci sono tante altre cose che puoi fare per aumentare la tua posizione in classifica. Questo articolo non esaurisce certamente tutto ciò che devi fare per ottimizzare il SEO nel tuo sito. È solo una piccola parte del SEO, tuttavia abbastanza efficace.

Articolo concesso da B. Mazzei, fondatore di Sienda ltd, Digital Media Company in London, UK

 

Web360,

Written by imprendo

Team di RP Consulting srl. Servizi Digitali, Multimediali, Piattaforme Web & Mobili, Marketing, Organizzazione Aziendale, Consulenza Fiscale e Tributaria, Assistenza Legale

2 commenti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.